In netto contrasto con la generale tendenza recessiva del mercato IT, Net Studio ha deciso di investire molto nella creazione di una business-unit altamente qualificata e dedicata alla realizzazione di applicazioni.
La vocazione allo sviluppo già presente nel DNA professionale del responsabile e dei componenti senior dello staff ha agito da catalizzatore, facendo sì che al nucleo che si occupa dello sviluppo di applicazioni siano state ben presto affiancate nuove risorse reperite tra il personale interno, tra i liberi professionisti, ma soprattutto assumendo a tempo indeterminato nuove persone direttamente dal mondo Universitario, dopo averle supportate in stage aziendali che sono poi stati oggetto della loro Tesi di Laurea.

Il team realizza progetti di sviluppo applicativo occupandosi in prima persona tutto il ciclo produttivo: analisi, progettazione, codifica, test, avviamento, documentazione, manutenzione e supporto.

La soluzione “chiavi in mano” per il cliente è completata da una struttura di service-desk che garantisce un supporto multilingua H24.

Così come per il resto dei servizi offerti da NetStudio, l’adozione di tecnologie all’avanguardia nello scenario IT porta inevitabilmente alla focalizzazione sul mondo cosiddetto open-source. Per questo la scelta della piattaforma tecnologica di sviluppo è fortemente legata al mondo Java Enterprise.

La scelta prevalente di NetStudio per la realizzazione di applicazioni verticali di classe Enterprise è, infatti, il paradigma J2EE, attraverso il quale è possibile strutturare applicazioni scritte in linguaggio Java, pensate per essere eseguite all’interno di un Java application server multipiattaforma, di cui JBoss è il più comunemente utilizzato, con una architettura a tre livelli (three-tier applications, Presentation, Logic and Data tier), che separa l’implementazione dell’interfaccia utente dalle logiche di business e dalla base dati su cui vengono rese persistenti le informazioni, rendendole funzionalmente indipendenti, con notevoli vantaggi per quanto riguarda l’organizzazione del team di sviluppo (semplificazione nella codifica e nei test), la riusabilità del codice prodotto, la scalabilità e l’integrazione.

Per quanto riguarda lo sviluppo delle interfacce è anche opportuno citare l’adozione di un framework basato sui Google Web Toolkit (GWT), un tool open source realizzato da Google per lo sviluppo di applicazioni web AJAX, e sulle librerie di oggetti grafici Ext-GWT (www.sencha.com) che, scrivendo codice cosidetto “Plain Old Java Object” (POJO) secondo il pattern Model-View-Controller (MVC), consentono di realizzare applicazioni web 2.0 altamente usabili, come se fossero applicazioni di tipo fat-client. Anche le applicazioni tipicamente non-office (come ad esempio quella del progetto TRuST, vedi sotto) sono state realizzate con una architettura di questo tipo, proprio perché l’interfaccia ottenuta è semplice da utilizzare anche in ambienti produttivi particolari, tipo quelli che adottano schermi touch-screen in sostituzione di tastiera e mouse.

Importanti sono anche le integrazioni con i vari sistemi di stabilimento attraverso porte seriali o di rete ed il largo uso di tecnologie di lettura di codici a barre, di datamatrix (codici a barre multidimensionali) o radiofrequenza (tag RFID UHF).

La Business Unit di Net Studio che si occupa di sviluppo applicativo realizza componenti di integrazione ad-hoc utilizzate nei progetti di Identity and Access Governance, ma anche Applicazioni di processo, alcune delle quali co-finanziati con fondi Europei e Regionali, che ci hanno consentito di acquisire e consolidare una significativa esperienza sul campo. Tra questi vale la pena citare:

  • TRuST – Traceability of the STerilization process in hospital textile and instruments, un sistema gestionale di tipo ERP per il controllo e la tracciabilità dei processi di lavaggio e sterilizzazione di teleria e strumentario chirurgico
  • GeRTIC – Gestione Richieste Telematiche IdM Compliant, un sistema di gestione delle richieste di autorizzazione per l’accesso alle risorse aziendali, basato su workflow ed integrato con un sistema di Identity Management (IdM)
  • EasyRequest – Lo strumento software con cui ogni persona all’interno di un’organizzazione può facilmente generare processi di richieste IT.